Essere chiamato 'gay' sembrava un'etichetta negativa, ora sembra un distintivo d'onore